News

Il seme della libertà

Si avvicina l’ottantesimo anniversario dello scoppio dell’entrata in guerra dell’Italia nel secondo conflitto mondiale e per ricordare e comprendere al meglio i grandi insegnamenti che quei terribili eventi ci lasciano, Acsè e il “Bella ciao trio” stanno registrando un CD dal titolo “Il seme della libertà” composto da canti e letture sulla resistenza.
Questo CD vuole essere un modo non solo per trasmettere memoria degli eventi della seconda guerra mondiale, ma anche per stimolare l’approfondimento.

Domenica 25 agosto saremo a Cà di Malanca (sulle colline faentine) per un’anteprima live del CD, in occasione dell’annuale ritrovo organizzato dall’ANPI in commemorazione degli eventi bellici avvenuti nella zona con protagonista la 36ma Brigata Garibaldi.
Vi aspettiamo!

Annunci
brigata garibaldi
News

Voci dalla resistenza

L’ANPI di Faenza e l’associazione Cà di Malanca hanno invitato Acsè a leggere pubblicamente alcuni brani tratti da racconti di guerra di partigiani in occasione della manifestazione “Voci dalla resistenza”. L’evento si svolegerà a Brisighella domenica 16 dicembre alle 14.00 presso il circolo Arci Ambra.locandina voci dalla resistenza

presentazione novantasei aprile 2018
News

Le Leggi Razziali a Faenza

Acsè e la Biblioteca Manfrediana di Faenza presentano la conferenza “Le Leggi Razziali a Faenza”, domenica 2 dicembre 2018 alle ora 10.30 presso il Museo del Risorgimento e dell’Età Contemporanea di Faenza (Palazzo Laderchi – Corso Garibaldi 2, Faenza).

La conferenza è all’interno della rassegna “Questo novecento” promossa dalla Biblioteca ed è il secondo e ultimo appuntamento. Ci saranno interventi della nostra socia Chiara Cenni, del rabbino Luciano Caro, Cesare Finzi, Roberto Matatia, Romano Rossi e altri. Con letture dal vivo degli attori di Acsè.

La conferenza vuole affrontare il tema delle Leggi Razziali (ad ottant’anni dalla loro entrata in vigore nell’Italia fascista) affrontandole prima da un punto di vista generale, per poi entrare nel particolare dando uno sguardo a come la città visse l’evento per poi meditare su alcune testimonianze.

manifesto questo novecento