Recensioni Libri, Senza categoria

The passenger-Olanda

Processed with VSCO with  preset

 

Titolo: The Passenger, Olanda
Editore: Iperborea
Anno edizione: 2018
Pagine: 192 pp., Brossura

La premessa a questa recensione è il mio amore per la casa editrice Iperborea. Dunque quando ho scoperto che aveva prodotto una collana dedicata ai viaggi mi sono fiondata in libreria e la mia scelta é ricaduta sul secondo volume uscito: Olanda.
Il libro non é la classica guida turistica con consigli su monumenti da visitare, luoghi in cui mangiare, i posti imperdibili…Ognuno degli undici capitoli rappresenta uno sguardo su alcuni aspetti del passato, del presente e del futuro di questo paese. Passando dalle vestigia del colonialismo, al rapporto del popolo olandese con la natura e lo sport, alla generazione gabber, alla gestione del territorio, il libro cerca di dare un’immagine del popolo olandese e di tutte le sue sfaccettature.

 

Annunci
Recensioni Libri, Senza categoria

L’Altra Grace

Titolo: L’altra Grace
Autore: Margaret Atwood
Editore: Ponte delle Grazie
Anno edizione: 2017
Pagine: 563 p., Brossura

 

81qB1daSXcL

 

L’Altra Grace conferma l’abilità di Margaret Atwood nel tessere la trama di  un romanzo e nel variare sempre sia lo stile della narrazione che i suoi contenuti.
La storia è ispirata all’omicidio di Sir Thomas Kinnear e di Nancy Montgomery, avvenuto  in Canada nel 1843. La principale sospettata è Grace Marks, che all’epoca dei fatti ha solo 16 anni. La storia ha inizio 10 anni dopo, Grace è in prigione, ma un comitato che crede alla sua innocenza, chiede aiuto al Dottor Simon Jordan, uno psichiatra. Veramente Grace non riesce a ricordare cosa è avvenuto il giorno degli omicidi? Il Dottor Jordan le farà raccontare la sua vita, trovandosi, suo malgrado, sempre più coinvolto nelle vicende della donna, cosa che renderà ancora più difficile la sua diagnosi.
La narrazione della Atwood procede intrecciando i racconti di Grace sul suo passato, le sue riflessioni sul presente e il punto di vista del Dottor Jordan. Leggendo il libro, mi sono trovata, come il Dottor Jordan, divisa sul carattere di Grace: passando dal sostenere la sua innocenza, a dubitare delle sue parole.
Man mano che il racconto di Grace si avvicina al  momento dell’omicidio la tensione aumenta e sarà impossibile, per il lettore, staccare gli occhi dalle pagine, fino all’inquietante conclusione.